Campagna Tesseramento 2024
arianna formazione
Coronavirus
Servizi in rete per te

Il piano B

cop 17 20232Vi ho raccontato brevemente (e con richiami gastronomici) i problemi legati alla partecipazione ad una consultazione pubblica indetta dalla Commissione Europea sulla regolamentazione unionale dei prodotti del tabacco e di nuova generazione che sa tanto di farsa.

Il questionario è pieno zeppo di domande poco chiare e di non immediata comprensione, e non è un problema di traduzione, ma di impostazione. Lo so, a pensar male si fa peccato, ma molto spesso ci si azzecca.

Tanto è vero che un paio di eurodeputati nei giorni scorsi hanno presentato un’interrogazione parlamentare in merito.

Di questo ho parlato con i miei Colleghi della Confederazione Europea dei Dettaglianti in una lunga riunione con confronti e dibattiti serrati e dalla quale è emersa la necessità di essere ancora più vigili e presenti nei procedimenti normativi e regolamentari europei. È ormai una questione vitale per la tutela delle nostre piccole imprese familiari.

Anche perché una delle domandine mette in discussione la nostra stessa esistenza. Ve la riproduco testualmente: «Considerato l’obiettivo di una “generazione senza tabacco” nell’UE entro il 2040, ritiene che la sua organizzazione sia preparata per un’uscita agevole dal mercato (ad esempio se è dotata di piani strategici per la transizione verso un settore diverso)?». Le risposte sono preordinate, ma avrei in mente di integrare la risposta, ovviamente e risolutamente negativa, con un commento in calce: «L’Unione europea è pronta ad “un’agevole” perdita occupazionale di circa un milione e mezzo di posti di lavoro nei settori agricolo, produttivo e distributivo e di introiti erariali di oltre cento miliardi di euro tra IVA ed accise?».

Mi sembra che sia giunto il momento di ragionare con numeri alla mano e con evidenze scientifiche, altrimenti si fanno solo esercizi di retorica. Ma per questi vanno benissimo le aule universitarie nei dipartimenti di filologia, non le aule parlamentari di Bruxelles o Strasburgo.

Come la storia insegna, ove c’è domanda c’è offerta e i beni proibiti per legge diventano ancora più appetibili. Dovremo cedere le nostre attività agli scafisti dediti ai traffici illeciti o divenire scafisti dovrebbe essere il piano B?

Non credo che nessuno di noi voglia accedere alla formazione nautica, crediamo di dover continuare a fare il nostro lavoro anche grazie ai prodotti di nuova generazione sui quali tanto si sta investendo.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Mario Antonelli

La Voce del Tabaccaio

VDT numero 26 dell' anno 2024

Numero 26 dell'anno 2024

vedia altri numeri

Chi Siamo

La Federazione

Il gruppo FIT

x