Campagna Tesseramento 2024
arianna formazione
Coronavirus
Servizi in rete per te

La storia si ripete. Ma anche il finale...

 

In occasione della conversione in legge del decreto «Crescita Bis», è stato presentato un emendamento che puntava dritto dritto a ritentare lo scippo, a danno della nostra categoria, di una significativa parte del suo lavoro, in nome del principio della libera concorrenza, che però per il tabacco è una vera e propria castroneria. Il ragionamento non è solo semplice ma addirittura banale!

La libera concorrenza non si può infatti applicare al nostro mercato per due diverse, stringenti ragioni:

a) l’esclusiva a favore dei tabaccai non è dettata da esigenze corporative ma dal fatto che il tabacco è un prodotto pericoloso e per la cui vendita si è scelta, da sempre, una rete dedicata;

b) è necessario non far finta di dimenticare che il prezzo di vendita del tabacco è imposto per legge. La ventilata concorrenza, non portando quindi alcun vantaggio per la collettività, è invocata soltanto come scusa per scippare il lavoro degli altri.

In quest’occasione, però, ci piace sottolineare che sia il Governo che le Commissioni V (Bilancio) e X (Industria e Commercio) del Senato hanno di fatto respinto al mittente la proposta, valutando l’insensatezza della finta posizione liberista.

A tutti loro va il ringraziamento di 56mila aziende a conduzione familiare.

 

Giovanni Risso

La Voce del Tabaccaio

VDT numero 23 dell' anno 2024

Numero 23 dell'anno 2024

vedia altri numeri

Chi Siamo

La Federazione

Il gruppo FIT

x