Canone Rai speciale: la compilazione della disdetta

Torniamo su un argomento molto sentito da tutta la categoria, il canone Rai speciale.

Come tutti sapete, si è conclusa finalmente l’annosa questione connessa al pagamento del canone Rai speciale sulla dotazione tecnologia detenuta dai ricevitori per il gioco Lotto. Infatti, con la progressiva sostituzione, ad opera di Lottitalia Srl, della dotazione tecnologica presso le ricevitorie si pone fine al pagamento del canone, essendo tale nuova attrezzatura priva di sintonizzatore, come anche confermato dalla stessa Rai. Come si deve fare per comunicare la disdetta dal canone? Da quando non si deve più pagare? I casi di disdetta dell’abbonamento del canone Rai sono riconducibili alla dismissione ovvero alla cessione dell’apparecchio in precedenza detenuto, quindi non ci rientrerebbe la sostituzione dell’apparato in precedenza assoggettato.

Per tale motivo la FIT ha ritenuto importante e necessario interpellare formalmente la Rai per accertare le modalità e le tempistiche per formalizzare la disdetta da parte di ciascun ricevitore. La Direzione Rai ci ha confermato che i ricevitori interessati dovranno inoltrare, alla sede regionale Rai competente per territorio, la comunicazione di cessazione l’abbonamento, mediante raccomandata a/r.

È, comunque, necessario specificare il numero delle componenti della nuova dotazione tecnologia e che le precedenti apparecchiature sono state restituite alla società concessionaria del gioco.

Le disdette inviate entro il 30 giugno prossimo decorreranno dal 1 luglio; quelle inviate entro il 31 dicembre decorreranno dal 1 gennaio 2018.

Non si è tenuti più al pagamento solo successivamente alla sostituzione delle apparecchiature in uso in ricevitoria, ma è importante precisare che chi ha rinnovato il pagamento del canone per l’intero 2017 non ha diritto al rimborso di alcuna quota residua, secondo quanto previsto esplicitamente dall’art. 11 del RDL 21 febbraio 1938 n. 246 anche qualora diano disdetta a valere dal 1 luglio 2017.

I tabaccai che non sono ancora stati interessati dalla sostituzione della predetta dotazione tecnologica ovvero detengano comunque in rivendita altro apparato soggetto al pagamento del canone Rai (TV, apparati per la raccolta delle scommesse sportive e/o ippiche, impianti di videosorveglianza dotati di monitor o TV) non sono in alcun modo esentati dal versamento del Canone Rai.

Le sedi regionali Rai hanno già recepito le disposizioni della sede centrale relative alle novità intervenute sulle dotazioni tecnologiche delle ricevitorie del Lotto. Pertanto, tali strutture sono pronte a recepire le disdette che arriveranno da parte dei tabaccai.

Il testo integrale di questo articolo, il fac-simile per la comunicazione di cessazione dell’abbonamento e gli indirizzi delle sedi regionali Rai sono pubblicati sul n. 12 de La Voce del tabaccaio del 27/03/2017
CERCA LA TABACCHERIA PIU' VICINA:

 
x